How to avoid collectively creating results nobody wants

While this article starts a little pessimistically, you’ll find it ends on a more optimistic proposition. Hang on in there and keep reading because you’ll find the article introduces you to very innovative methodology you can use to solve complex and undefined problems, including those that are social and economic in nature. This is Theory U as conceived by Otto Scharmer, the co-founder of the Presencing Institute and a Senior Lecturer at MIT.
What I’ve written here affects my own work profoundly in that it increasingly conditions the way in which BigName applies the principles of Design Thinking to professional innovation.

First of all, here are the pessimistic considerations.

Collectively, we create results that nobody wants.

I learned this from Otto and the words affected me profoundly.
We live in an age characterized by a massive institutional failure: stratospheric levels of public debt, uncertainly over globalization, rising unemployment, falling standards of education, a seemingly endless financial crisis, global warming, a rising tide of refugees, war in Syria, ever increasing levels of poverty, and, last but not least, the constant threat of terrorism. The news has spread: A mere 8 people in the world are as rich as 50% of the world’s overall population.
We are destroying communities, nature, life, and the foundations of health, social, economic and spiritual welfare.

Social field

According to Otto, underlying these phenomena is a lack of awareness of the mechanisms generating them.
Moreover, major media and the most prominent experts clearly failed to predict the crises of 2001 and 2008. Then there’s the “strongman” trend. Predominantly male personalities who are taking ever more power globally.

[Read more…]

La sala giochi di Caine, la confidenza creativa e la Makers Faire Roma


Caine Monroy è un bimbo di 9 anni (al tempo) che deve spendere l’estate nel negozio del papà, che vende ricambi per auto e, tra le altre cose, non se la passa molto bene.
Caine vorrebbe dei giochi elettronici, come tutti i bambini, ma non è possibile.
Caine ama vedere come sono fatte le cose dentro, i giochi, i premi, le sfide. Ha moltissima fantasia e una certa manualità, pochissime risorse ma tante scatole di cartone…
E decide di costruirsi una sala giochi da solo, anzi di venderne i biglietti. Un dollaro 4 turni, 2 dollari, 500 turni: il FUNPASS!
Il primo gioco è il classico basket:
Caine's Arcade Basket

Per poi occupare gran parte del negozio del padre:

Nulla accade fino a quando tal Nirvan Mullick, che di professione fa il videomaker/creativo, non deve comprare un pezzo di ricambio.
Nirvan, oltre a fare i video, usa bene YouTube, Facebook e soprattutto Digg.com.
Il risultato te lo lascio vedere in questo video:

Cardboard Challenge

Ma non è finita qui: nasce un movimento attorno al successo avuto da Caine. Questo sabato 5 Ottobre 2013, proprio l’anniversario del flashmob del video, si terrà la seconda sfida mondiale di creatività per bambini.
Si stimano 1M di bambini coinvolti!
Ovviamente in Italia zero…
Che ne dici di organizzarne uno?

Creative confidence

Ho conosciuto Caine grazie ad una segnalazione di Leticia Britos Cavagnaro, docente del favoloso MOOC in Design Thinking organizzato da Standford, che ho seguito quest’estate.
L’obiettivo era stimolarci a trovare quella confidenza, quella sicurezza nelle potenzialità creative di ciascuno di noi.
Doti che ogni bambino ha, ma che spesso la scuola e il contesto del lavoro ci fanno perdere.
La creatività è uno stato fondamentale per la fase di ideazione del Design Thinking, soprattutto quando fa seguito ad un corretto approccio empatico, che pone l’uomo al centro delle soluzioni generate.
A tal proposito segnalo questo fantastico video giapponese.

Makers, Arduino e un figlio curioso

Ammetto di essermi commosso durante il film.
Anzi molto commosso: io facevo spesso questo tipo di cose da bambino… e poi?
Però non è mai troppo tardi e, già che ci sono, vorrei stimolare i miei figli.
Per questo sto creando uno spazio significativo in casa, con strumenti di visual design al muro, attrezzi, cartone e tanto materiale preso al Leroy Merlin…
Ma non solo. Spinto dal mio tipico entusiasmo, ecco il primo sketch Arduino Uno fatto da me e mio figlio (4,5 anni), con la collaborazione curiosa della piccola Agata (20M):
Agata Arduino Uno

UPDATE: proprio oggi la grande notizia di una board INTEL con su Arduino!

Maker Faire 2013, destinazione Roma

Ecco perché questa domenica 6 Ottobre, tre generazioni di Centenaro (io, Nicolò e il nonno Gustavo), saranno su Italo Treno, destinazione Roma, alla Makers Fair!

Ti trovo lì?