Ecco il Personal Branding Canvas

Qualche giorno fa ho condiviso la mia esperienza alla MasterClass su Business Model You® ad Amsterdam, ma senza poter ancora rivelare l’argomento che sono stato chiamato a presentare…
Ora sono molto emozionato ed orgoglioso, perché è finalmente pronta la versione in italiano del sito sul mio nuovo metodo che ha attirato l’attenzione di Tim: il Personal Branding Canvas!

Personal Branding Canvas - Versione italiana del Febbraio 2014

Il Personal Branding Canvas è lo strumento visuale per lo sviluppo rapido e concreto della strategia di Personal Branding. L’idea è di rendere il più semplice possibile:

  • descrivere, progettare e re-inventare il tuo Personal Brand anche senza per forza avere basi di Branding e di Marketing

e anche

  • insegnare, imparare e fare consulenza sul Personal Branding.

Il Personal Branding Canvas offre una rappresentazione visuale grazie a cui è possibile implementare il processo molto più velocemente. Le immagini aiutano a trasformare presupposti dati per scontati in informazioni esplicite che, a loro volta, aiutano a pensare, comunicare e condividere con più efficacia.

Personal Branding pratico e semplice

Nella consulenza e nella formazione tutti vogliono sempre e solo due cose: velocità di apprendimento e tasso di trasferimento.
Il desiderio di tutti è quello di potersi portare a casa informazioni pratiche, una competenza, l’idea di saper fare qualcosa!
Quando, ad esempio, si parla di Social Media Marketing, molti libri e corsi hanno un approccio troppo teorico e talvolta senza colpe; sono infatti alla disperata ricerca di un modo per trasferire un concetto semplicissimo e importantissimo:

per avere successo sui Social devi essere significativo, devi avere qualcosa da dire. I tecnicismi vengono dopo (e tra l’altro sono sempre meno quelli veramente necessari).

Altri libri, spesso per reazione, hanno un approccio estremamente pratico e finiscono, così, con il cercare di sostituire l’help di Twitter o Facebook, diventando vecchi in pochi mesi…

Innovare nel Branding

Per me la soluzione è sempre stato il Branding! Solo  facendo una strategia Branding puoi prendere le giuste decisioni per le tue attività di comunicazione.
Ma quando il tema è il Branding tutto è ancora più difficile. Un linguaggio astruso per un argomento poco noto e con molti pareri contrastanti rendono talvolta inevitabile la necessità di insistere molto sulla parte di strategia e ridurre al minimo la parte pratica.

Lo stesso vale per certa consulenza, che talvolta opta per escludere la co-creazione con il cliente, proponendo “la tua strategia in Powerpoint” che probabilmente il cliente non capirà mai. Ho sempre creduto che l’attività del Branding abbia molte più cose in comune con il Coaching che con la consulenza.

Occorreva, insomma, innovare nel Branding e il mio tentativo è quello di farlo con il Business Design…

Business Design

Il Personal Branding Canvas prende le sue basi da strumenti di Business Design quali il Business Model You®, sviluppato da Tim Clark e ovviamente il Business Model Generation di Alex Osterwalder e Yves Pigneur. L’idea di svilupparlo mi è venuta proprio leggendo il libro di Tim e partecipando ai suoi corsi in Italia e all’estero.
Mentre il Personal Business Model Canvas riguarda (semplificazione) i ricavi (aziendali o personali), il Personal Branding Canvas riguarda il senso.
Descrive, insomma, la logica con cui una persona identifica la sua promessa di valore unica, la fa conoscere alla giusta “Audience” e nel frattempo ottiene risultati quali visibilità, credibilità, rispetto, notorietà, ecc.

Il Canvas, oltre ad essere una mappa esaustiva a cui affidarsi, è anche un vero e proprio framework di progettazione (design), in grado di implementare un approccio leggero (che alcuni chiamerebbero LEAN):

  • l’attenzione passa dal fare strategia tramite un lungo processo di studio e analisi
  • all’implementare il più presto possibile un primo prototipo da testare sul mercato e apprendere dai suoi feedback = apprendimenti

Anzi, va inteso esso stesso come un prototipo. Nonostante lo usi ormai da mesi in consulenza e nei miei corsi e con grande soddisfazione, è sempre in via di sviluppo e aggiornamento! Se ti va, partecipa alla discussione sul blog o sui neonati Twitter e Facebook.

Talent Campus 2014 in Digital Accademia

Trackbacks

  1. […] E la percezione che pur passando tanto tempo in rete, me ne fossero sfuggite così tante, da un lato mi ha consolato perché ho pensato di essere diventata brava a filtrare, dall’altro mi ha un attimo scoraggiata perché ho pensato Cos’è che mi rende unica? Perché io?  (cit. Luigi Centenaro) […]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *